Libri: L’uomo che volò a Tokyo di Publio Magini – Mursia (Gruppo Editoriale)

Publio Magini, il navigatore che progettò un nuovo sestante aeronautico e due orologi speciali, è l’autore di ‘L’uomo che volò a Tokyo. Storia di un aviatore del XX secolo’, pubblicato da Mursia (Gruppo Editoriale), un libro che costituisce un documento unico e di notevole interesse storico e tecnico.

L’autore, morto nel 2002, è stato il copilota del trimotore S.75 che volando per 25 mila chilometri alla velocità media di 250 all’ora e facendo scalo a Zaporoz in Ucraina (dove si trovava il comando aereo del Corpo di spedizione italiano in Russia) e a Baotou in Cina, atterrò a Tokyo accolto con tutti gli onori.

Leonardo Magini, ha tirato fuori dal cassetto le memorie scritte dal padre tra l’88 e il ’91 e stampate in una ventina di copie per i familiari e si è affidato all’editing di Maurizio Pagliano per la realizzazione di questo libro.

Blog Books Show segnala:

Ricordati le cose belle di Ellen Greene - Sperling & Kupfer
Ricordati le cose belle di Ellen Greene – Sperling & Kupfer

Libri: L’uomo che volò a Tokyo di Publio Magini – Mursia (Gruppo Editoriale)ultima modifica: 2009-08-27T20:56:00+02:00da poetilandia
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Libri: L’uomo che volò a Tokyo di Publio Magini – Mursia (Gruppo Editoriale)

  1. Ho conosciuto Publio ed ho avuto modo di apprezzarlo nel periodo in cui collaborava alla Racal Marine assieme al suo amico Gen. Giuseppe Piseddu, io mi occupavo dell’assistenza tecnica.
    Ancora oggi Giuseppe Piseddu ricorda il suo amico ex capo come un superiore.
    Mi racconto’ che compagni di ventura in Aeronautica, vedeva in lui un reale spessore umano e intellettivo che ne giustificavano a pieno la posizione gerarchica.
    Nella sua casa di Casalpalocco Roma ho avuto modo di gustare l’ottima grappa che sapeva distillare, ospite alla Casa dell’Aviatore Roma durante una riunione di lavoro mentre si discuteva lo vedevo scibacchiare su di un foglio: aveva dipinto la mia caricatura.
    Vincenzo

Lascia un commento