Libri: Il gioco delle rondini di Zeina Abirached

Per me la guerra è stata la normalità. Io ci sono nata, dentro la guerra. La fine della guerra, se vogliamo, ha significato per me la fine dell’innocenza. La mia generazione, nata e cresciuta sotto le bombe, non è mai riuscita a esorcizzare fino in fondo la guerra.[Zeina Abirached]

‘Il gioco delle rondini’ di Zeina Abirached, pubblicato da Becco Giallo Editore, è il racconto in presa diretta di una notte vissuta sotto le bombe a Beirut, una storia autobiografica raccontata con delicatezza e disincanto dall’autrice considerata, da buona parte della critica, la nuova Marjane Satrapi.

Quanto al titolo di questo graphic novel, l’autrice afferma di averlo preso da un graffito che troneggia ancora su un muro di Beirut: “Questa frase mi ha ossessionato per molto tempo. Il graffito è stato fatto da un certo Florian, che ho cercato di trovare senza successo. Ho fantasticato completamente sul personaggio. L’immagine delle rondini rappresentava perfettamente tutti quei libanesi che dovevano migrare a causa dei bombardamenti”.

Blog Books Show segnala:

Tu che te ne andrai ovunque di Ilaria Rossetti - Perrone Nudo di famiglia di Gaia Manzini - Fandango Libri Le donne del vento rosso di Liu Hong - Newton Compton Orizzonte mobile di Daniele Del Giudice - Einaudi Mascalzoni latini. Come ci amano gli uomini di Simona Izzo - Mondadori Matolda. Una storia longobarda di Barbara Debernardi - Lindau

il-gioco-delle-rondini-2055143.jpgTitolo: Il gioco delle rondini
Genere: Fumetti e Vignette
Autore: Zeina Abirached
Editore: Becco Giallo
Anno: 2009
Collana: Cronaca estera
Informazioni: pg. 192
Codice EAN: 9788885832510

Prezzo Book Shop: € 14,00
Prezzo di listino: € 17,50
Sconto: € 3,50 (20%)

IL LIBRO – Beirut, 1984. La guerra civile affligge una città di fantasmi, per le strade dissestate ci sono posti di blocco e cecchini pronti a sparare. In un grande condominio sulla linea di confine che separa Beirut Est da Beirut Ovest, Zeina e il fratello minore sono rimasti da soli.

Sami e Nour, i loro genitori, sono andati a trovare la nonna, poco distante dal condominio, ma in tempo di guerra, a Beirut, è come dire dall’altra parte del mondo, e ora tardano a tornare. Piovono le prime bombe dal cielo, e i vicini affollano a poco a poco l’appartamento di Zeina, considerato il luogo più sicuro del palazzo, per stringersi attorno ai due bambini e affrontare l’ennesima notte di guerra. Nella speranza di vedere arrivare Sami e Nou.

L’AUTORE – Libanese, Zeina Abirached è nata a Beirut nel 1981. Vive attualmente fra Beirut e Parigi. Dopo gli studi all’Accademia libanese di Belle Arti (ALBA), ha seguito un corso di specializzazione in animazione alla Scuola Nazionale di Arti Decorative a Parigi. E’ l’autrice di [Beyrouth] Catharsis, primo premio del festival di fumetto di Beirut nel 2002 e del “libro-oggetto” 38 rue Youssef Semaani.

Ha trascorso la sua infanzia in una casa situata sulla “linea verde”, zona di demarcazione che tagliava in due la città di Beirut durante la guerra civile. Sua madre inventa per lei ogni giorno una storia per nascondere la realtà della guerra che si svolge a qualche metro dalla loro strada. Dopo gli studi all’Accademia di Belle Arti di Beirut, si ispira a questo episodio per realizzare il suo primo album, Catharsis. Dove si trova, in bianco e nero, in uno stile affinato, tutta la gravità di Beirut mescolata allo sguardo di una bambina che scopre alla fine la realtà del mondo.

Zeina Abirached prosegue questo filone di album autobiografici con 38 rue Youssef Semaani, suo secondo album dove il titolo è il suo indirizzo personale. E vi disegna con la stessa poesia e gli stessi contrasti le figure familiari dei vicini e dei commercianti che hanno appreso l’oblio della guerra. rondini, dona a Beirut il personaggio principale al quale si aggiunge il tema della fuga verso altro. [komikazen.jimdo.com]

Sul sito di Radio 3, Fahrenheit, l’intervista all’autrice.

.

 

Libri: Il gioco delle rondini di Zeina Abirachedultima modifica: 2009-05-05T14:41:44+02:00da poetilandia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento