Libri: Educazione siberiana di Nicolai Lilin

‘Educazione siberiana’ di Nicolai Lilin, pubblicato da Einaudi, è un romanzo autobiografico che rievoca il periodo dell’adolescenza dell’autore in quelli che furono gli ultimi anni dell’Urss e della comunità siberiana.

Il racconto si sviluppa sulla vita di questo ragazzo siberiano che viene educato da un’intera comunità criminale a diventare una contraddizione vivente, e cioè un «criminale onesto». Le avventure di strada, le giornate al fiume, gli scontri tra adolescenti guerrieri e soprattutto il sapere dei vecchi, che portano l’esistenza tatuata sulla pelle e trasmettono con pazienza e rigore il loro modo di capire il mondo.

Il tutto ambientato nella Transnistria, terra di tutti e di nessuno, crocevia di traffici internazionali e di storie di uomini. Una grande epopea criminale raccontata da chi l’ha vissuta, con una forza che ti agguanta e non ti lascia più.

Blog Books Show segnala:

Io non ho paura di Niccolo' Ammaniti, Einaudi Racconti quotidiani di Andrea Camilleri, Libreria Dell'orso Il giorno in piu' di Fabio Volo, Mondadori La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, Mondadori I tre inverni della paura di Giampaolo Pansa, Rizzoli Il treno dell'ultima notte di Dacia Maraini, Rizzoli

 

educazione-siberiana-2179774.jpgTitolo: Educazione siberiana
Genere: Narrativa Italiana
Autore: Nicolai Lilin
Editore: Einaudi
Anno: 2009
Collana: Supercoralli
Informazioni: pg. 343
Codice EAN: 9788806195526

Prezzo Book Shop: € 16,00
Prezzo di listino: € 20,00
Sconto: € 4,00 (20%)

IL LIBRO – Cosa significa nascere, crescere, diventare adulti in una terra di nessuno, in un posto che pare fuori dal mondo? Pochi forse hanno sentito nominare la Transnistria, regione dell’ex Urss autoproclamatasi indipendente nel 1990 ma non riconosciuta da nessuno Stato. In Transnistria, ai tempi di questa storia, la criminalità era talmente diffusa che un anno di servizio in polizia ne valeva cinque, proprio come in guerra.

Nel quartiere Fiume Basso si viveva seguendo la tradizione siberiana e i ragazzi si facevano le ossa scontrandosi con gli “sbirri” o i minorenni delle altre bande. Lanciando molotov contro il distretto di polizia, magari: “Quando le vedevo attraversare il muro e sentivo le piccole esplosioni seguite dalle grida degli sbirri e dai primi segni di fumo nero che come fantastici draghi si alzavano in aria, mi veniva da piangere tanto ero felice”.

La scuola della strada voleva che presto dal coltello si passasse alla pistola. “Eravamo abituati a parlare di galera come altri ragazzini parlano del servizio militare o di cosa faranno da grandi”. Ma l’apprendistato del male e del bene, per la comunità siberiana, è complesso, perché si tratta d’imparare a essere un ossimoro, cioè un “criminale onesto”.

Con uno stile intenso ed espressivo, anche in virtù di una buona ma non perfetta padronanza dell’italiano, a tratti spiazzante, con una sua dimensione etica, oppure decisamente comico, Nicolai Lilin racconta un mondo incredibile, tragico, dove la ferocia e l’altruismo convivono con naturalezza.

L’AUTORENicolai Lilin è nato nel 198o a Bender, in Transnistria. Nel 2003 si è trasferito in provincia di Cuneo, dove fa il tatuatore, avendo studiato per tanti anni i tatuaggi della tradizione criminale siberiana e imparato le tecniche e i codici complessi che li regolano. Questo è il suo primo romanzo, ed è stato scritto direttamente in italiano. Il sito web dell’autore: www.nicolaililin.com

Nicolai Lilin – Siberian Criminal Style

.

 

Libri: Educazione siberiana di Nicolai Lilinultima modifica: 2009-04-07T10:56:58+02:00da poetilandia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento