Libri: Il bambino senza nome di Mark Kurzem

Il dramma di una persona alla ricerca delle proprie radici raccontato da Mark Kurzem nel romanzo ‘Il bambino senza nome’. La trama si sviluppa nel rimorso di un uomo che pensa di non aver fatto nulla per salvare altre vite umane, ma all’epoca dei fatti era soltanto un bambino.

 

Una storia toccante, scioccante in alcuni tratti, che costringe il lettore a riflettere e lo invoglia ad approfondire e conoscere molti più dettagli di quel periodo e della Biellorussia della seconda guerra mondiale.

Blog Books Show segnala:

Le montagne della follia. Ediz. integrale di Howard P. Lovecraft - Newton Compton Lacrime di drago di Luigi Brasili - Delos Books Graceling di Kristin Cashore - De Agostini I dormienti del tempo. Perry Rhodan. Lemuria di Hans Kneifel - Armenia Viaggio straordinario nel regno delle Sette Torri di Arthur Ténor - Fanucci La guerra delle salamandre di Karel Capek - UTET


il-bambino-senza-nome-1829639.jpgTitolo: Il bambino senza nome
Genere: Storia d’Europa
Autore: Mark Kurzem
Editore: Piemme
Anno: 2009
Collana: Saggistica
Informazioni: pg. 446
Codice EAN: 9788856602524

Prezzo Book Shop: € 15,20
Prezzo di listino: € 19,00
Sconto: € 3,80 (20%)

IL LIBRO – Mark ha da poco iniziato la sua vita da ricercatore a Oxford quando suo padre Alex bussa alla sua porta con un angoscioso segreto da confessare. I brandelli di quel segreto sono rinchiusi in una logora valigia che custodisce i ricordi evanescenti e ossessionanti che per quasi settant’anni suo padre ha cercato di seppellire nell’oblio.

Tocca a Mark ora aiutare suo padre a ricostruire la sua storia, l’epopea di un bambino bielorusso ebreo di cinque anni che è scampato avventurosamente allo sterminio della sua famiglia e del suo villaggio, ha vagato per nove mesi da solo nei boschi, tra la neve e i lupi, è stato catturato da un’unità lettone filonazista, è stato portato davanti al plotone di esecuzione e lì, le spalle contro il muro della scuola, ha rivolto al sottoufficiale che stava per premere il grilletto una strana, perfetta domanda da bambino: “Puoi darmi un pezzo di pane, prima di spararmi?”.

È stata quella strana domanda a salvargli la vita. Le SS che decidono di prendere quel bambino dai capelli biondissimi e dagli occhi cerulei come loro mascotte, per farne un modello di soldato bambino da utilizzare per la propaganda. Le giornate trascorse a lustrare scarpe. Ora vuole ricordare Alex, ritrovare le sue radici, la sua famiglia, il suo passato, vuole sapere tutto, anche il suo nome, perché quello con cui è cresciuto, si è sposato, ha generato tre figli, Alex Kurzem, non è che il nome falso che gli diedero su un foglio di via.

L’AUTOREMark Kurzem ha studiato a Melbourne e ha lavorato a Osaka. Oggi vive e insegna a Oxford. Il suo primo libro, Il bambino senza nome, è un bestseller in corso di pubblicazione in dodici paesi.

.

 

Libri: Il bambino senza nome di Mark Kurzemultima modifica: 2009-04-03T22:08:18+02:00da poetilandia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento