Gli italiani la sanno lunga… o no!? di Antonio Caprarica

Dopo essersi divertito a passare in rassegna i vizi e i difetti degli inglesi e dei francesi, Antonio Caprarica prova a osservare e descrivere il nostro Bel Paese, quanto più spassionatamente è possibile e dalle più diverse prospettive. In ‘Gli italiani la sanno lunga… o no!?’ leggiamo uno spaccato della nostra Italia ricco di notizie, dati, vicende annose e attuali, raccontate senza compiacimenti e senza censure. Una storia non proprio edificante, ma che si legge con gran divertimento.


gli-italiani-la-sanno-lunga-o-no-1417171.jpgTitolo: Gli italiani la sanno lunga… o no!?
Genere: Scienze Sociali
Autore: Antonio Caprarica
Editore: Sperling & Kupfer
Anno: 2008
Informazioni: pg. XVI-267
Codice EAN: 9788820046057

Prezzo Book Shop: € 15,30
Prezzo di listino: € 18,00
Sconto: € 2,70 (15%)

IL LIBRO – La leggenda, o forse la retorica, vuole gli italiani “brava gente”: accoglienti e generosi, poveri ma belli, gaglioffi ma simpatici, ricchi di inventiva e maestri nell’arte di vivere e amare. Una tradizione sostenuta anche da connazionali illustri li dipinge invece furbi, cinici e conformisti, insofferenti alle regole e privi di senso civico.

Chi siamo dunque noi italiani? È possibile tracciare un profilo veritiero, che eviti la trappola del moralismo come l’esercizio, così diffuso, dell’autodenigrazione? Antonio Caprarica ha voluto provarci in questo volume, sottoponendosi di buon grado alla pratica dell’autocoscienza, osservando il Bel Paese quanto più spassionatamente possibile e dalle più diverse prospettive.

Ecco dunque la lotta politica del Nord contro il Mezzogiorno e il federalismo gastronomico, con la pacifica convivenza delle straordinarie cucine regionali; la persistente fedeltà nei confronti della famiglia, fonte, da oltre cinquecento anni, non solo di stabili affetti, ma, se appena si può, di prebende e sinecure, cattedre universitarie, alloggi e impieghi; la scomparsa dei grandi imprenditori e il diffondersi dei “capitalisti di papà”, con le loro piccole aziende controllate dalla parentela; il culto della bellezza e l’indifferenza per gli scempi ambientali; la maleducazione imperante dalla strada al Parlamento.

L’AUTOREAntonio Caprarica (Lecce, 1951), una laurea in Filosofia con Lucio Colletti, ha iniziato la carriera giornalistica come commentatore di politica interna dell’Unità ed è stato in seguito condirettore di Paese Sera. Tra il 1988 e il 1993 è stato prima inviato, poi corrispondente stabile del Tg1 dal Medio Oriente, coprendo avvenimenti come la jihad antisovietica in Afghanistan, la prima Guerra del Golfo e l’intifada palestinese.

Dal 1993 è stato a capo dell’ufficio di Corrispondenza della Rai da Mosca, che ha lasciato nel 1997 per ricoprire lo stesso incarico a Londra: in Gran Bretagna è rimasto quasi un decennio – quello di Blair – che ha condensato nel suo libro Dio ci salvi dagli inglesi¿ o no!?, vincitore del Premio Gaeta per la letteratura di viaggio e tra i best-seller del 2006. Dal marzo al dicembre 2006 ha diretto la sede Rai di Parigi. Attualmente è direttore di Radio Uno e dei giornali radio Rai. Vincitore di molti premi di giornalismo tra i più prestigiosi (Ischia, Fregene, Val di Sole), collabora con numerosi quotidiani e periodici.

 

Gli italiani la sanno lunga… o no!? di Antonio Capraricaultima modifica: 2008-11-14T12:24:00+00:00da poetilandia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento